Vai ai contenuti

Lorenzo Ongaro (ex allievi)

Lorenzo Ongaro è nato a Verona nel 1990.

Studi alla Scuola di Sentieri Selvaggi: percorso didattico Total Filmmaker

Occupazione attuale: copywriter, sceneggiatore, storyteller.

Diplomato al liceo sperimentale delle scienze sociali, ha frequentato il percorso Total Filmmaker di Sentieri Selvaggi nell’anno 2010-2011 e l’anno successivo il corso-master trimestrale di Sceneggiatura tenuto da Franco Ferrini.

Ha scritto e diretto il cortometraggio “Ballando con i cinghiali” come saggio di fine corso, e ha collaborato come stagista realizzando le riprese il successivo montaggio degli eventi organizzati dalla scuola.

Ha lavorato presso la casa di produzione e di distribuzione G.G.F. FILM come Story editor eper la casa di produzione e post produzione Why Worry Production come Grip, Aiuto elettricista, Aiuto e runner sotto la supervisione del capo elettricista e del direttore della fotografia per il corto “Selfless – A tale of Shade”, diretto da Greg Strasz e prodotto da Armani Junior e Cinecittà 3.

Ha frequentato il Laboratorio RAI ERI di Scrittura Creativa

Nel 2012 ha vinto il concorso indetto dalla  Ford Italia S.p.a. realizzando lo spot “Distraction” prodotto da Ford Europe.

Nel 2015 si diploma alla Scuola Holden di Torino in Transmedia Storytelling e successivamente inizia la sua attività da libero professionista in questo settore.

Da perfetto ‘total filmmaker’, si divide tra la scrittura creativa e la realizzazione di video promozionali.
Nel suo portfolio clienti figurano realtà quali la United Nation University di Tokyo, l’Academia BarillaIkea Italia, SlowFood, H-Farm 

Per la Scuola Holden ha tenuto corsi sul pitching e attualmente è docente del corso on line sullo scrivere di sé dal titolo “Writing Life”.

Nell’autunno 2016 sta lavorando alla sceneggiatura del suo primo lungometraggio.

EDIT: settembre 2017 fonte Cinecittà News Premio Mattador

Vincenzo Cascone, 24 anni, di Napoli, e Lorenzo Ongaro, 27 anni, di Verona, con Titano sono i vincitori del Premio Mattador alla migliore sceneggiatura per lungometraggio. Il film è un originale road-movie sull’ultima fuga da una casa di riposo di quattro anziani e un maiale in un camper sgangherato che dalle Langhe li condurrà in Provenza. Una commedia divertente e ironica che racconta come si possa sempre affrontare il proprio passato.

CONTATTI: