Stampa

Corso di Sceneggiatura

Corso di sceneggiatura cinematografica

 
Il Progetto
Godiamo dell’esperienza maturata negli ultimi anni, dove sono molti gli allievi che hanno confermato la necessità di approfondire quelli che sono gli aspetti essenziali dello scrivere film.

Non basta conoscere le fondamentali regole di base, ora diventa particolarmente interessante mettere mano a quegli aspetti che rendono più facilmente vendibile la nostra scrittura: generi e televisione diventano ambiti da toccare, scoprire, approfondire.






 
Scrivere è un’avventura appassionante.
Anche questo è un corso al quale prestiamo particolare cura: cerchiamo di dare indicazioni chiare e complete (e, in questo senso, lo reputiamo un corso totale e definitivo: seguirlo garantisce una chiara conoscenza delle tecniche narrative di base e, per questo, torna utile non solo a sceneggiatori ma anche a scrittori, drammaturghi, critici e, naturalmente, registi, attori, produttori…).

Accanto a esercitazioni sull’impostazione di una storia, sulla caratterizzazione dei personaggi e sulla realizzazione di dialoghi, sono due le direttrici su cui si lavora: la prima mira a realizzare (assieme ai registi) sceneggiature per cortometraggi che verranno, poi, proposti agli allievi di regia per le eventuali realizzazioni, la seconda, a seguire, mira alla scrittura di una sceneggiatura per un lungometraggio (da proporre a produttori e a concorsi nazionali quali il Solinas).

Questo significa che l’esperienza è doppia: non solo conoscenza di strategie narrative per il cinema ma diretta esperienza nel poter “vedere” ciò che si è scritto grazie ai cortometraggi realizzati dalla scuola – in questo lavoro conta molto ascoltare, capire, osservare cosa succede quando il nostro testo, la nostra sceneggiatura verrà messa in scena. Non basta scrivere, bisogna aver chiaro qual è l’intero percorso che la nostra storia farà: lo diceva Pier Paolo Pasolini che la sceneggiatura è una “struttura che vuol diventare altra struttura”: come a dire che ciò che scriviamo non si ferma sul foglio ma procede il suo viaggio nella testa del regista, degli attori e di tutti coloro che metteranno mano al film. Per questo ci teniamo tantissimo che i nostri sceneggiatori scrivano brevi storie, giocando con generi e racconti originali, storie che verranno poi messe in scena dagli allievi degli altri corsi.

E, durante l’anno, sono tante le occasioni per approfondire argomenti, per conoscere gente: i nostri ospiti sono scelti anche in base alla disponibilità “ad ascoltare” mentre il corso di Storie del cinema è utilissimo per dotarsi di lenti capaci di farci vedere il cinema (e non solo) in modo più originale, divertente, appassionante. Accanto a tutto ciò la possibilità di conoscere persone che praticano i nostri stessi interessi: non solo per confrontarsi ma anche per mettere assieme forze e risultare, in questo modo, più incisivi all’interno dei meccanismi dell’industria dell’audiovisivo.
Non vi chiediamo esperienze e conoscenze pregresse. Solo una buona dose “passionale” e “desiderante” per attraversare questi spazi immensi che ci si parano davanti.

 OBIETTIVI FORMATIVI
-        Conoscenza dei protocolli per la scrittura cinematografica
-        Conoscenza della teoria e della tecnica della sceneggiatura
-        Conoscenza del linguaggio cinematografico e televisivo
 
A CHI È INDIRIZZATO
A tutti coloro che vogliono apprendere le tecniche narrative (per il cinema, la televisione o altro).
Non sono necessarie conoscenze pregresse.
 
METODOLOGIA
-         Lezioni frontali
-        Esercitazioni specifiche su elementi della sceneggiatura
-         Lavori di gruppo
-         Lavori individuali
-         Lavori indirizzati alla messa in scena di cortometraggi
 
COSA SI REALIZZA
- Esercitazioni scritte (strutturare un soggetto, creare dei personaggi, elaborare un dialogo…)
-  Sceneggiature per cortometraggi da mettere in scena (in collaborazione col corso di regia)
-  Scaletta ed eventualmente una sceneggiatura per un lungometraggio
 
PROGRAMMA
- Il linguaggio cinematografico
- Idea/tema/argomento/genere                                                    
- Soggetto, scaletta, trattamento, biografie
- Sceneggiatura: all’americana, all’italiana, alla francese
- Storyboard                                                                                   
- Elementi notevoli: struttura, personaggio, dialogo
- La sceneggiatura “tradizionale”
- Struttura in tre atti
- Il subplot                                                                                        
- Il conflitto                                                                                       
- Progressione drammatica                                                         
- Il teaser                                                                                         
- The point                                                                                   
- Indizi                                                                                              
- Teoria del personaggio               
- Il dialogo                            
- Altri elementi: ambienti, musiche, suoni, colori
- Specificità della sceneggiatura per cortometraggi
- Il cortometraggio narrativo                                                          
- Il cortometraggio lirico                                                     
- Dettagli e concertazione.
- Esercitarsi col cortometraggio
- Lavorare alla stesura di un lungometraggio.
 
Durante l’anno saranno favoriti gli incontri, anche esercitativi, con gli allievi degli altri corsi (recitazione, regia, montaggio, etc.).
 
 

INFO PER ISCRIVERSI:

 
 
Joomla SEF URLs by Artio