Stampa

Master Postproduzione - Modulo AVID

“Il linguaggio è un virus” (Burroughs)
“ È stato detto tutto a meno che le parole non cambino di senso e il senso di parole” (Godard)

 

Perché queste citazioni? Perché il cinema, e a scendere tutto ciò che è audiovisivo, è regolamentato in una precisa metrica come fosse, anzi è, una scrittura.

Quindi, come nella letteratura, possiamo scrivere poesie, prose,poemi e racconti.

A partire dallo sceneggiatore, passando per il regista, il direttore della fotografia, lo scenografo, gli attori, tutti partecipano a questo processo, ma è al montaggio, il processo si chiude. Questa è la croce e la delizia del nostro lavoro. Da noi arrivano tutte le cose buone che sono state prodotte, ma anche tutti gli errori.
 
Duttilità: è la migliore qualità che deve avere un montatore, deve fare del suo meglio con quello che ha, deve capire ed entrare nel progetto, ma anche entrare in empatia con il regista senza però perdere il suo punto di vista, che è la competenza fondamentale che gli viene richiesta.
 
Come si crea questa competenza? Studiando e raffinando i propri gusti, ma anche lavorare,sperimentare,osare, e ricominciare da capo se è necessario. Questo processo si ripete sempre, sia che stiate lavorando su un film o su un documentario, fino all’umile servizio di un telegiornale.
 
Dovrete guardare e fare proprio il materiale girato, accompagnare il regista nel creare la trama migliore che valorizzi al meglio il girato, mantenendo al contempo il controllo su tutto ciò che concerne la parte tecnica del nostro lavoro.

Quindi il controllo della macchina innanzitutto, ma anche le specifiche audio/video che vengono richieste dal committente.
AVID è un programma molto diffuso, i suoi punti di forza sono la stabilità e lo sviluppo, esso ha infatti risolto e affinato negli anni soluzioni e strumenti capaci di migliorarne l’operatività.
Impararlo tutto in breve tempo è impossibile. Imparare a capirlo e gestirlo invece è alla portata di tutti.

 
Punto 1:
Capire come funziona un sistema non lineare

Punto 2:
Creazione di un progetto di AVID. Dove salvarlo e come trovarlo per riaprirlo.

Punto 3:
Uno sguardo ai setting cominciando da quelli fondamentali che possono mettere l’alunno in condizioni di lavorare in maniera corretta da subito.

Punto 4:
Gestione dei bin e Cattura o import delle immagini create da una telecamera, ma anche provenienti da altre fonti.

Punto 5:
Modalità migliori e corrette per importare file e per lavorare a risoluzione indipendente e non. 

Punto 6:
Montaggio. Creare una timeline e individuare i comandi base che consentono il montaggio.

Da qui in poi andremo a studiare un programma che ha mille comandi e mille funzioni, ma che risulterà molto meno ostico perché a questo punto dovremmo aver capito come ragiona.

Argomenti successivi:

trim
titoli
grafica
color correction
mixaudio
export
scarico
archiviazione

Docente: Pierluigi Caso

INFO PRATICHE

Durata: 30 ore suddivise in 10 incontri da 3h ciascuno

Giorni e orari: dall'8 novembre al 24 gennaio il martedì dalle 10.30 alle 13.30

c/o Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi

Quota iscrizione: 750,00€

ISCRIVITI QUI (barrare la casella nella sezione Corsi annuali master)

 

Joomla SEF URLs by Artio