Vai ai contenuti

ATTORIALITÀ: Storia della recitazione e attività attoriali di base (corsi Unicinema 1° anno)

ATTORIALITÀ: Storia della recitazione e attività attoriali di base

Corso della Prima Annualità di UNICinema

Docente: Massimiliano Davoli

Tutte le forme d’arte hanno avuto nel tempo un’evoluzione che è stata dettata dal linguaggio della propria epoca. Prima fra queste il cinema, la “settima arte”, che contiene in sé le principali forme di espressione. Niente come il cinema è stato dunque soggetto a un’inesorabile e sorprendente evoluzione. La recitazione si è adeguata con gli anni allo sviluppo delle potenzialità tecniche cinematografiche così come all’evolversi della modalità comunicativa nella vita di ogni giorno.

Il corso si pone come obiettivo una comprensione della recitazione attraverso lo studio della sua storia, delle sue tecniche e dei metodi, per poi arrivare a un approccio pratico dato dalla sperimentazione diretta. Lo scopo è mettere le basi di un percorso che, nell’anno successivo, permetterà di avere una consapevolezza profonda per potersi mettere in gioco in un modo più diretto, pratico e professionale.

Si studierà il percorso evolutivo della recitazione analizzando i diversi metodi dal cinema muto fino ai giorni nostri, sempre partendo dall’osservazione di spezzoni di film. Prima di tutto cercheremo di capire quali sono stati i motivi che sono alla base di quelle scelte recitative, poi studieremo quel particolare metodo.  E per capire a fondo le scelte stilistiche, oltre che analizzarne i metodi e le motivazioni, proveremo anche a “giocare” sperimentandoci direttamente in quel tipo di recitazione.

PROGRAMMA PER PUNTI

La nascita della recitazione nelle sue prime forme.

  • Il metodo Stanislavskij.
  • Il corpo dell’attore nel cinema muto.
  • Corpo e mimica con l’avvento del sonoro.
  • L’attore italiano neorealista.
  • Il “Metodo” degli attori del cinema americano degli anni 60-70, Strasberg come evoluzione di Stanislavskij.
  • I grandi attori del teatro italiano approdati al cinema negli anni 60-70.
  • L’evoluzione del metodo recitativo con l’avvento del nuovo linguaggio cinematografico moderno.
  • Ivana Chubbuck, l’evoluzione di Strasberg nel cinema moderno.